INTRODUZIONE Il PM è l’inquinante atmosferico che maggiormente influenza la salute umana. La IARC ha classificato l’inquinamento dell’aria e il PM fine come cancerogeni per l’uomo (Gruppo 1). L’obiettivo principale del progetto MAPEC è valutare l’associazione tra inquinamento dell’aria ed effetti biologici precoci in cellule della mucosa orale di 1000 bambini della scuola primaria in 5 città italiane (Brescia, Lecce, Perugia, Pisa e Torino). METODI Per valutare l’esposizione dei bambini, nei pressi delle scuole sono stati raccolti campioni di PM0.5 (n=36) in due differenti stagioni. Gli estratti organici sono stati testati per valutare l’effetto genotossico (Saggio Comet e test del micronucleo su A549) e mutageno (test di Ames su TA98-TA100-TA98NR-YG1021). Sugli estratti organici è stata effettuata l’analisi degli IPA e dei Nitro-IPA. RISULTATI I risultati hanno evidenziato che il PM0.5 rappresenta una percentuale molto variabile del PM10. In inverno la concentrazione di PM10 è risultata generalmente inferiore ai 50μg/m3 con valori più alti nelle città del Nord. Livelli più bassi sono stati osservati in primavera. Tutti gli estratti di PM0.5 hanno mostrato almeno una dose mutagena con il ceppo TA98 in inverno. I risultati ottenuti con i ceppi TA98NR e YG1021 hanno mostrato la presenza di composti nitroaromatici come confermato anche dall’analisi chimica. Un minor effetto e una minore contaminazione chimica sono stati osservati in primavera. Non è stato invece rilevato alcun effetto genotossico degli estratti in entrambe le stagioni eccetto alcuni campioni sporadici. Il basso effetto biologico osservato in inverno potrebbe essere legato ai bassi livelli di inquinamento monitorati legati ad una elevata instabilità atmosferica. CONCLUSIONI L’alta variabilità del PM0.5 osservata in questo studio dovrebbe essere ulteriormente indagata. Inoltre i RISULTATI ottenuti suggeriscono di indagare l'effetto biologico anche di altre frazioni del PM (es. PM0.5-1).

VALUTAZIONE DELLA GENOTOSSICITA’/MUTAGENICITA’ INDOTTI DAL PM0.5 DI 5 CITTA’ ITALIANE IN DUE STAGIONI: RISULTATI DELLO STUDIO MAPEC

BONETTA, Sara;BONETTA, SILVIA;GEA, MARTA;SCHILIRO', Tiziana;PIGNATA, Cristina;GILLI, Giorgio;CARRARO, Elisabetta;
2016

Abstract

INTRODUZIONE Il PM è l’inquinante atmosferico che maggiormente influenza la salute umana. La IARC ha classificato l’inquinamento dell’aria e il PM fine come cancerogeni per l’uomo (Gruppo 1). L’obiettivo principale del progetto MAPEC è valutare l’associazione tra inquinamento dell’aria ed effetti biologici precoci in cellule della mucosa orale di 1000 bambini della scuola primaria in 5 città italiane (Brescia, Lecce, Perugia, Pisa e Torino). METODI Per valutare l’esposizione dei bambini, nei pressi delle scuole sono stati raccolti campioni di PM0.5 (n=36) in due differenti stagioni. Gli estratti organici sono stati testati per valutare l’effetto genotossico (Saggio Comet e test del micronucleo su A549) e mutageno (test di Ames su TA98-TA100-TA98NR-YG1021). Sugli estratti organici è stata effettuata l’analisi degli IPA e dei Nitro-IPA. RISULTATI I risultati hanno evidenziato che il PM0.5 rappresenta una percentuale molto variabile del PM10. In inverno la concentrazione di PM10 è risultata generalmente inferiore ai 50μg/m3 con valori più alti nelle città del Nord. Livelli più bassi sono stati osservati in primavera. Tutti gli estratti di PM0.5 hanno mostrato almeno una dose mutagena con il ceppo TA98 in inverno. I risultati ottenuti con i ceppi TA98NR e YG1021 hanno mostrato la presenza di composti nitroaromatici come confermato anche dall’analisi chimica. Un minor effetto e una minore contaminazione chimica sono stati osservati in primavera. Non è stato invece rilevato alcun effetto genotossico degli estratti in entrambe le stagioni eccetto alcuni campioni sporadici. Il basso effetto biologico osservato in inverno potrebbe essere legato ai bassi livelli di inquinamento monitorati legati ad una elevata instabilità atmosferica. CONCLUSIONI L’alta variabilità del PM0.5 osservata in questo studio dovrebbe essere ulteriormente indagata. Inoltre i RISULTATI ottenuti suggeriscono di indagare l'effetto biologico anche di altre frazioni del PM (es. PM0.5-1).
49° Congresso Nazionale della Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica
Napoli
16-19 novembre 2016
Atti congressuali - POSTER- 49° Congresso Nazionale SItI
-
1
1
particolato atmosferico, genotossicità, comet assay, test di Ames, test del micronucleo, A549
Bonetta, Sa.; Bonetta, Si.; Ceretti, E.; Viola, G.C.V.; Zerbini, I.; Gea, M.; Levorato, S.; Salvatori, T.; Vannini, S.; Schilirò, T.; Verani, M.; Pignata, C.; De Donno, A.; Gilli, G.; Bonizzoni, S.; Bonetti, A.; Carraro, E.; Gelatti, U.; Mapec_life, Study Group.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/1621238
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact