Occuparsi di sovrani e dinastie regali, oggi, può sembrare fuori luogo e fuori tempo, ma l'antropologia ha il pregio di sfruttare l'inattualità come strumento di dépaysement e primo momento di analisi. Per questa ragione, e con questa scusa, vogliamo proporre alcune riflessioni intorno alla detronizzazione di Kwongo Dak Padiet, sovrano degli Shilluk, avvenuta nel 2016 come conseguenza della guerra civile in Sud Sudan.

Il reth è morto, evviva il reth: la detronizzazione del sovrano Shilluk nella guerra civile sud-sudanese

Nicola Martellozzo
2019

Abstract

Occuparsi di sovrani e dinastie regali, oggi, può sembrare fuori luogo e fuori tempo, ma l'antropologia ha il pregio di sfruttare l'inattualità come strumento di dépaysement e primo momento di analisi. Per questa ragione, e con questa scusa, vogliamo proporre alcune riflessioni intorno alla detronizzazione di Kwongo Dak Padiet, sovrano degli Shilluk, avvenuta nel 2016 come conseguenza della guerra civile in Sud Sudan.
37
1
8
http://www.istitutoeuroarabo.it/DM/il-reth-e-morto-evviva-il-reth-la-detronizzazione-del-sovrano-shilluk-nella-guerra-civile-sud-sudanese/
Sud Sudan, Regalità sacra, Identità nazionale, Guerra civile, Geopolitica, Conflitto etnico, Shilluk
Nicola Martellozzo
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Il reth è morto, evviva il reth.pdf

Accesso aperto

Tipo di file: PDF EDITORIALE
Dimensione 242.26 kB
Formato Adobe PDF
242.26 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/1725283
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact