Il libro, Lévi-Strauss e la catastrofe (Mimesis, Milano, 2019), è stato pubblicato in francese già lo scorso anno, sempre con Mimesis, con il titolo Lévi-Strauss face à la catastrophe. L’originale francese ha il merito di indicare con più chiarezza il rapporto che struttura il volume, ossia la presenza di una costante riflessione sulla catastrofe all’interno del pensiero di Lévi-Strauss. Il ruolo di D’Onofrio non è solo quello di guida al lettore nella giungla dell’opera lévi-straussiana, ma di evidenziare – prima di tutto – la complessità del concetto di “catastrofe”; una parola-chiave che circoscrive, anziché definire, un insieme eterogeneo di fenomeni, una concrezione storica e ideologica sotto la quale l’Autore rintraccia una somiglianza comune. Un’affinità ben marcata dal sottotitolo del libro – uguale per entrambe le edizioni – tratto da una citazione di Tristi Tropici (1960), che attraversa come fil rouge l’intero lavoro di D’Onofrio: «Nulla è perduto, possiamo riprenderci tutto».

Dalla catastrofe dell'hybris al ritorno dell'indigeno: «Nulla è perduto, possiamo riprenderci tutto»

Nicola Martellozzo
2020

Abstract

Il libro, Lévi-Strauss e la catastrofe (Mimesis, Milano, 2019), è stato pubblicato in francese già lo scorso anno, sempre con Mimesis, con il titolo Lévi-Strauss face à la catastrophe. L’originale francese ha il merito di indicare con più chiarezza il rapporto che struttura il volume, ossia la presenza di una costante riflessione sulla catastrofe all’interno del pensiero di Lévi-Strauss. Il ruolo di D’Onofrio non è solo quello di guida al lettore nella giungla dell’opera lévi-straussiana, ma di evidenziare – prima di tutto – la complessità del concetto di “catastrofe”; una parola-chiave che circoscrive, anziché definire, un insieme eterogeneo di fenomeni, una concrezione storica e ideologica sotto la quale l’Autore rintraccia una somiglianza comune. Un’affinità ben marcata dal sottotitolo del libro – uguale per entrambe le edizioni – tratto da una citazione di Tristi Tropici (1960), che attraversa come fil rouge l’intero lavoro di D’Onofrio: «Nulla è perduto, possiamo riprenderci tutto».
41
1
7
http://www.istitutoeuroarabo.it/DM/dallhybris-della-catastrofe-al-ritorno-dellindigeno-nulla-e-perduto-possiamo-riprenderci-tutto/
Lévi-Strauss, Salvatore D'Onofrio, Catastrofe, Apocalisse, Indigeno, Antropologia, Strutturalismo
Nicola Martellozzo
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
D'Onofrio - Lévi-Strauss e la catastrofe.pdf

Accesso aperto

Tipo di file: POSTPRINT (VERSIONE FINALE DELL’AUTORE)
Dimensione 135.86 kB
Formato Adobe PDF
135.86 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/1725526
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact