La danza del nuovo millennio fra dissenso e partecipazione